Ci Si Rivede Il 1 Settembre!





Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉:

       

Milano Calibro 9


Regia: Fernando Di Leo

Dio (o chi per lui) benedica in eterno Fernando Di Leo, per tutto quello che ha dato al cinema, in particolare alla sezione del poliziottesco italiano che, grazie anche a registi come lui, Girolami, Lenzi, Enzo “Punto G.” Castellari e molti altri, in quegli anni è letteralmente esploso.

The Burning Moon


Regia: Olaf Ittembach

Un ragazzo tossicodipendente (interpretato dal regista) dopo una rissa insieme alla sua gang, torna a casa verso sera malconcio e si trova a dover badare alla sorellina: così decide di farsi una bella pera e addormentarla raccontandole due storie.

L'Odio




Regia: Mathieu Kassovitz


Il Problema non è la caduta, ma l'atterraggio

Film controverso sul rapporto tra polizia e quartieri degradati, L'odio mostra uno spaccato della vita nei sobborghi, di come la gente cerchi di tirare avanti, il tutto prendendo spunto da un fatto di cronaca realmente accaduto.

The War – Il Pianeta Delle Scimmie


Regia: Matt Reeves

Dopo l'enorme successo di Apes Revolution-Il Pianeta Delle Scimmie, secondo capitolo di un franchise iniziato nel 2010 con L'alba Del Pianeta Delle Scimmie, con protagonista la nostra amata ed intelligente scimmia di nome Cesare, Matt Reeves dirige anche questo The War, ultimo capitolo della saga, che per me e per molti altri che l'hanno visto, è il miglior capitolo del franchise; ma andiamo a capire perché.

Il Cerchio


Autore: Dave Eggers

Mae è una giovane ragazza appena laureata che riesce a coronare il suo sogno grazie all’aiuto di un’amica: diventare dipendente della più grande e famosa società a livello mondiale chiamata Il Cerchio

The Neon Demon



Regia: Nicolas Winding Refn



Recensione 1


Ipnotico, enigmatico, disturbante, cinico, particolare, sexy, potente, tutto questo è "The Neon Demon" decimo e ultimo film diretto da Nicolas Winding Refn, regista che apprezzo relativamente perché per quanto talentuoso sia e per quanto originale sia la sua arte (perché di questo si parla con lui, arte pura arte), non riesco ad apprezzarlo a pieno.

Honeymoon


Regia: Leigh Janiak

Recensione 1


Paul e Bea sono una giovane coppia di sposi, innamoratissimi l'uno dell'altra e decisi più che mai a godersi la propria luna di miele in totale intimità, lontano da tutto e tutti. E' così che partono per la campagna canadese, la destinazione è una baita isolata nel bosco, appartenente alla famiglia di lei. I primi di giorni laggiù sono fantastici, tanto amore, scherzi, relax ed un affiatamento che cresce sempre di più. E' il loro sogno. Ma poi qualcosa cambia.. 

Il Secondo Tragico Fantozzi


Regia: Luciano Salce

In tantissime recensioni, sia di commedie che anche di horror, ho citato molto spesso battute (le sorelle Anne e Babette Brown di Fracchia La Belva Umana, gli sturamenti di Fantozzi Il Ritorno….) o addirittura film (Rimini Rimini, I Pompieri…) di uno dei più grandi comici del nostro tempo, uno scrittore che ha messo alla berlina il mondo del lavoro (e non solo) in un mondo che, tra un’iperbole e l’altra, ricorda in maniera grottesca alcune dittature ancor oggi esistenti.

August Underground


Regia: Fred Vogel

Molto tempo fa avevo recensito uno dei peggiori shock movie che io avessi mai visto: Slaughtered Vomit Dolls, primo capitolo della Vomit Gore Trilogy di Lucifer Valentine.

Ma si sa, non c'è mai fine al peggio....E August Underground è IL peggio!.